Un russo muore mentre si gode la realtà virtuale

L'anno 2016 è stato davvero l'anno la realtà virtuale è decollata diventare più di un semplice dispositivo di intrattenimento in modo che i più appassionati potessero godere sia dei loro giochi che dei loro contenuti speciali in un modo diverso da quello a cui eravamo abituati.

Per tutto il 2016, Oculus Rift di Facebook ha iniziato ad arrivare sul mercato insieme a HTV Vive, quest'ultimo è il modello che ha portato il gatto in acqua, nonostante sia più costoso del modello Facebook. Sony ha anche rilasciato PlayStation VR per PS4.

Ma come previsto l'immersione che nella maggior parte dei casi questo tipo di dispositivo ci provoca, possono far sì che se non abbiamo precedentemente sgombrato l'area di "gioco" subiamo un incidente, come nel caso di un russo. Un residente di Mosca, la cui identità non è stata rivelata, è stato trovato morto a casa sua ed è stato dichiarato il primo ad essere ucciso dalla realtà virtuale.

In realtà, è tutto molto più semplice, ma la mania dell'essere umano di creare statistiche non c'è fine a tutto. A quanto pare il defunto, si stava godendo il suo dispositivo di realtà virtuale passeggiando per la stanza fino a quando non è inciampato su un tavolo di vetro, sul quale è caduto, provocando nei frammenti del tavolo varie ferite gravi che lo hanno fatto morire dissanguato.

Non sappiamo a che tipo di gioco stesse giocando questa persona, ma ciò che è chiaro è che si stava divertendo come un nano, degno dell'espressione, il che non gli permetteva di preoccuparsi di ciò che lo circondava, cosa che dovrebbe essere presa in considerazione soprattutto se il gioco in questione ci offre una forma di interazione oltre quello che possiamo considerare usuale e che richiede più specie del necessario.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Xavier suddetto

    Molto triste