Smartphone più veloci grazie alle nuove memorie UFS 3.0

UFS 3.0

Curiosamente, molti sono gli utenti che, al momento dell'acquisto di un nuovo smartphone, prestano maggiore attenzione a diversi parametri come la qualità delle fotografie, la velocità del processore e anche la capacità della RAM del dispositivo che è veramente nella sua ROM. ovvero nella capacità di stoccaggio che il terminale stesso può offrire, fatto che può passare in secondo piano e che, purtroppo, può far sì che, nonostante le grandi potenzialità, un grave collo di bottiglia nel passaggio delle informazioni dalla sua memoria fisica fino a quando non vengono caricate nella RAM per ulteriori elaborazioni.

Come ho detto, le ROM sono molto più importanti di quanto possiamo immaginare anche se non ci vogliamo credere, tanto che, senza una buona memoria NAND, come ho detto, l'esperienza utente che questo terminale può offrire può essere seriamente compromessa. Altrimenti, un telefono che a prima vista potrebbe sembrare mediocre può offrire un'esperienza utente molto più gratificante grazie al suo utilizzo di ROM di buona qualità.


Scheda di memoria UFS

JEDEC ha appena aggiornato lo standard che regola il funzionamento e le funzioni delle memorie NAND di tipo UFS che sono attualmente utilizzate da praticamente tutti gli smartphone sul mercato.

Per capire un po 'meglio tutto questo, va notato che ad esempio, ad esempio, più di 10 anni fa, nel mondo dei computer desktop, nel suo formato tower o come laptop, per ottenere che le sue velocità di elaborazione dei dati fossero molto le persone anziane, hanno optato per la tecnologia SSD. Qualcosa di simile è accaduto non molto tempo fa con il Unità UFS, una tecnologia le cui specifiche sono state appena aggiornate da JEDEC solo pochi giorni fa.

Come promemoria, ti dico che le specifiche NAND che vengono utilizzate di più negli smartphone di oggi sono le specifiche UFS 2.0, che ha colpito per la prima volta il mercato quando è stato implementato nel 2015 dal Samsung Galaxy S6 e dal UFS 2.1, evoluzione del precedente che, pur coesistendo con il 2.0, è servito, dopo tanto tempo, da vero ricambio generazionale per memorie di tipo eMMC.

UFS 3.0

UFS 3.0 si distingue per la sua velocità di lettura e scrittura e per lavorare con un consumo energetico molto inferiore

Entrando un po 'più in dettaglio, come sostenuto nel comunicato stampa diffuso dalla JEDEC dove viene annunciato il nuovo standard, troviamo che il UFS 3.0 raddoppia la larghezza di banda precedentemente offerta da UFS 2.1. Grazie a questo possiamo parlare di 11 Gbps per canale, che significa 6 GB / s per le attività di scrittura e lettura.

A sua volta, come già avviene con lo standard UFS 2.0, si possono configurare due canali il che in pratica significa che è possibile lavorare con cifre di lettura e scrittura fino a 2 GB / s, cifre che attirano molta attenzione perché, in pratica, non si raggiungono oggi o nei drive SSD di molti computer professionali.

Un altro punto che dobbiamo tenere in considerazione è il consumo di energia di questo tipo di dispositivo, qualcosa che può diventare critico su un dispositivo mobile. Secondo i documenti, sembra che UFS 3.0 migliori queste cifre in modo significativo in quanto il suo consumo è ridotto a 2 volt, lontano dai 306 volt di cui necessitavano le versioni precedenti di questo stesso standard.

ufs

Altri dati piuttosto sorprendenti da UFS 3.0

Lontano dai dati più interessanti e forse tecnici che offre UFS 3.0, vorrei dirvi che JEDEC ha pensato proprio che questa nuova generazione di memorie NAND dovrebbe essere in grado di funzionare in qualsiasi tipo di contesto. In questo modo si è ottenuto che con questo nuovo standard, sistemi in grado di funzionare a temperature comprese tra -40ºC e 105ºC.

Come l' possibile arrivo di questo tipo di ricordi sul mercatoSecondo gli analisti che ne parlano, a quanto pare e sebbene sembri un po 'frettoloso, i primi report che implementano questo tipo di tecnologia potrebbero raggiungere il mercato nel seconda metà dell'anno.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.