Il motivo per cui il motore EmDrive è impossibile da eseguire è stato rivelato

EmDrive

Se sei un amante dello spazio e di tutto ciò che in esso accade, soprattutto i progetti, le ricerche e gli avanzamenti che si stanno portando avanti in questo enorme campo tecnico, sicuramente in qualche occasione avrai sentito parlare di quel motore peculiare EmDrive, un meccanismo così strano che nessuno dei due possiede NASA, all'epoca, riuscì a rivelare perché funzionava o come era possibile farlo.

Entrando un po 'più in dettaglio, soprattutto se non ricordi troppo bene perché quel motore è diventato così famoso, ti dico di cosa si trattava ideato dall'ingegnere britannico Roger Shawyer nel 2006. L'idea rivoluzionaria che ha presentato era che, per funzionare, non aveva bisogno di utilizzare alcun tipo di carburante convenzionale, inoltre, perché non aveva alcun tipo di parte mobile nel suo design da allora, per generare slancio Tutto ciò che era era necessario un trasformatore in grado di convertire l'elettricità in microonde che venivano lanciate in una camera a forma di cono in grado di generare quantità di moto.


prototype-EmDrive

Finalmente rivelato perché il motore EmDrive sembra funzionare

Come previsto, molti erano gli ingegneri che all'epoca erano disposti a provare a testare questa teoria e sono giunti tutti alla stessa conclusione, il motore, nonostante il fatto che letteralmente contraddiceva la legge di conservazione del moto di NewtonHa prodotto un minimo di impulso, insufficiente per sfuggire alla forza di gravità sul nostro pianeta ma che, nello spazio, potrebbe essere la soluzione a tutti i problemi umani.

Curiosamente, nonostante ci fossero molti centri che studiavano il modo in cui funziona il motore, tutti confermavano che il piccolo impulso esisteva, nessuno, neppure il creatore del motore stesso, è stato in grado di spiegare i principi fisici che lo guidavano. Forse, a questo punto, la ricerca più popolare è stata effettuata dalla NASA alla fine del 2016 dove si è concluso che, sebbene l'EmDrive offrisse una piccola spinta, non sapevano come fosse stato prodotto o perché.

viaggiare

Nonostante le risorse investite, la NASA non è stata in grado di rivelare perché EmDrive sembrava funzionare correttamente

Come dettaglio, vi dico che è stata proprio la NASA ad investire risorse nello studio di un motore come l'EmDrive, non a caso sono state adottate misure straordinarie volte a rilevare e isolare ogni possibile fenomeno che potrebbe distorcere le misurazioni o che, allo stesso modo, aveva la proprietà di provocare un impulso dovuto a qualsiasi tipo di fattore o effetto indesiderato. Dobbiamo tener conto che, in questo senso, tutte le precauzioni erano poche, soprattutto se si considera che l'impulso provocato dall'EmDrive è molto piccolo.

Dopo aver effettuato numerosi test cercando di isolare l'EmDrive da qualsiasi tipo di interazione con altri oggetti presenti nel suo ambiente o possibili forze, anche analizzando campi magnetici, variazioni di temperatura del motore, correnti termiche di convezione, elettricità statica, vibrazioni, vaporizzazione di gas nel Camera ... non hanno scoperto nulla con cui argomentare perché l'ipotetico motore impossibile funzionasse. Sfortunatamente e come ora sappiamo, si sono dimenticati che la Terra genera il proprio campo magnetico.

motore impossibile

Un ultimo studio condotto dai ricercatori dell'Università di Dresda stabilisce che l'EmDrive funziona grazie al campo magnetico terrestre

Come rivelato da un gruppo di ricercatori del Università di Dresda, durante i loro test hanno deciso non utilizzare nessuno dei prototipi EmDrive che viaggiano da un laboratorio all'altro per i test, ma letteralmente hanno costruito il proprio facendo uso delle più recenti tecnologie di produzione disponibili. Grazie a ciò, è stata letteralmente prodotta una versione molto più avanzata del motore. Allo stesso tempo, sono stati progettati una nuova camera di misurazione del vuoto e un sistema laser in grado di rilevare anche la spinta più impercettibile.

Con tutto questo sono iniziati i test e, ancora una volta, l'EmDrive è riuscito a generare una spinta minima, una forza che curiosamente non variava anche quando avrebbe dovuto, anzi, il suo EmDrive generava spinta anche senza bisogno di microonde in camera . È stato a questo punto che i ricercatori si sono resi conto che ciò che ha generato la spinta doveva essere un fattore esterno e, facendo i conti, l'hanno scoperto Questo piccolo impulso è coerente con l'interazione indesiderata tra il campo magnetico terrestre e i fili dell'amplificatore a microonde del motore..


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.