Tutte le risonanze magnetiche degli ultimi anni potrebbero essere sbagliate

MRI

Come risonanza magnetica si intende una procedura medica a cui si è abituati misurare l'attività cerebrale e serve, tra le altre cose, per effettuare indagini neurologiche o rilevare malattie. Apparentemente, una procedura così ampiamente utilizzata e importante come questa, potrebbe essere sbagliato perché a errata interpretazione sistematica dei dati raccolti in modo che praticamente tutte le risonanze magnetiche effettuate negli ultimi anni potrebbero essere errate.

Questo difetto è stato scoperto da Università Linköping, con sede in Svezia. Per rilevare e misurare l'efficacia del software incaricato di interpretare i dati MRI, il team di ricercatori ha testato centinaia di risultati in diverse parti del mondo. Come dettaglio, prima di continuare a dirti che, se le conclusioni raggiunte da questo team di scienziati sono giuste, letteralmente niente meno che circa 15 anni di ricerca scientifica dovrebbero essere eliminati e oltre 40.000 articoli accademici.

Tutte le risonanze magnetiche fatte dal 1992 potrebbero essere sbagliate

 

Il gruppo di esperti responsabili di questo studio è schietto con i suoi risultati mentre parlano fino al 70% di falsi positivi a cui dovremmo aggiungere alcune risonanze magnetiche che, a quanto pare, indicherebbero attività cerebrale dove non ce n'era. Come indicato Anders Eklund, responsabile di questo progetto:

Le risonanze magnetiche funzionali hanno 25 anni e sorprendentemente i metodi statistici più comuni non sono stati convalidati utilizzando dati reali. Qui abbiamo utilizzato i dati di 499 controlli per condurre tre milioni di analisi di gruppo.

Come dettaglio, ti dico che il file insetto trovato nel software MRI era stabilita nel 2015 quindi significherebbe riconoscere che almeno un problema esisteva. Questo software è stato incaricato di interpretare i dati dell'attività cerebrale dal 1992. Indubbiamente, questo pone un enorme problema per la ricerca medica e neurologica, poiché tutti gli studi sviluppati sulla base dei risultati ottenuti da questo software sarebbero sbagliati, che oggi sarebbero messi in discussione. .

Per maggiori informazioni: PNAS


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Rafael Machado suddetto

    Ho letto la prima frase dell'articolo e ho subito smesso di leggere: «Per risonanza magnetica si intende una procedura medica che viene utilizzata per misurare l'attività cerebrale e serve, tra le altre cose, a svolgere indagini neurologiche o rilevare malattie”

    Innanzitutto, non capisco cosa stiano facendo notizie come questa su un blog tecnologico. Secondo, se non conosci l'argomento, come risulta evidente dalla quantità di cazzate che dici in tutto l'articolo, ti sei preso la briga di informarti un po 'prima. È molto facile sapere che quello di cui parli non è la Risonanza Magnetica, un test che non rileva alcuna funzione cerebrale, ma la "Risonanza Magnetica Funzionale" (fRMN). Ci sarebbero voluti 5 minuti per scoprire se ti fossi preso la briga di cercarlo.