Vodafone e Huawei entrano nella storia completando la prima chiamata 5G al mondo

5G

Ieri Vodafone y Huawei ha fatto la storia completando la prima videochiamata 5G al mondo utilizzando il nuovo Standard commerciale NSA e della banda dello spettro 3.7 GHz. Indubbiamente un traguardo più che interessante dovuto al fatto che la prima chiamata di questo tipo che viene fatta in giro per il mondo. A sua volta, questo traguardo non fa altro che dimostrare la buona armonia che entrambe le società trasmettono oggi.

Forse la cosa più interessante di questa dimostrazione sono stati proprio i valori dello stesso appello, cioè non solo il fatto che sia stato stabilito un collegamento il cui la velocità è stata superiore a 2 Gbps con latenze inferiori a 10 millisecondiInvece, è stato possibile utilizzare contemporaneamente una rete 4G che era collegata a una rete 5G. Una volta effettuata questa chiamata, è stato dimostrato che è possibile anche il contrario.

Poche settimane fa Qualcomm e Samsung hanno dimostrato il potenziale delle reti 5G

Come dettaglio, ti dico solo che questo non è la prima volta che viene effettuata una chiamata su una rete 5G da solo una settimana fa Samsung y Qualcomm, in collaborazione con l'operatore KT Corporation, sono riusciti a condurre un test 5G NR con più fornitori, una connessione che era basato su 15GPP versione 3 non autonomo, ovvero, in base alla specifica più vicina esistente allo standard finale.

Questo test è stato effettuato a Suwon (Corea del Sud) ed è stato possibile lavorare a velocità di più gigabit a valle e latenze fino a 1 millisecondo. La parte negativa di questo test è che, poiché proprio questo standard è stato utilizzato, non è stato possibile eseguire a doppia connessione tra reti 4G e 5G come è successo questa volta nei test effettuati da Vodafone e Huawei.

Come è stato rivelato, in termini di tecnologia necessaria per effettuare questa videochiamata, Vodafone e Huawei si sono affidati all'utilizzo di apparecchiature da Rete di accesso radio, fornito da Huawei. Sfortunatamente, questo nuovo standard non dovrebbe essere completamente integrato e pronto per l'uso nei sistemi mobili fino al 2019 secondo trimestre.

Vodafone compie un nuovo passo dimostrando che è possibile interconnettere reti 4G e 5G con il nuovo standard NSA

Come potrebbe essere altrimenti, ci sono stati molti leader che hanno voluto essere presenti a un evento come questo, un esempio è stato Jose Maria Lasalle, attuale Segretario di Stato per la Società dell'Informazione e l'Agenda Digitale che, nelle successive dichiarazioni ha voluto congratularsi per il soddisfacente test svolto sia a Vodafone che a Huawei, ha successivamente voluto dare grande merito al progetto, che è stato realizzato collegando le città come Madrid e Barcellona e che, nelle parole dello stesso José María Lasalle, è servito a 'città gemellate digitalmente come Madrid e Barcellona'.

D'altra parte troviamo niente di meno che Antonio Coimbra, attuale CEO di Vodafone Spagna che ha posto grande enfasi sulla buona riuscita del test e come, senza voler nulla togliere a quello svolto da Qualcomm e Samsung quando ha collegato in videochiamata Stati Uniti e Corea del Sud, il suo test è stato molto più complesso non collegando entrambe le parti della chiamata a una rete 5G. In questa dichiarazione, il CEO di Vodafone ha voluto chiarire che lo standard NSA utilizzato dalla sua azienda è 'parte integrante del prodotto'essere commercializzato in futuro, non un'mini-sviluppo' nemmeno uno 'demo in scatola'.

A titolo di chiarimento sull'utilizzo che verrà dato al 5G in Spagna, lo ha annunciato lo stesso Antonio Coimbra lo standard NSA utilizzato dalla tua azienda avrà una distribuzione commerciale che lo standard autonomo utilizzato da Samsung e Qualcomm non avrà poiché la NSA sarà quella adottata universalmente da tutti gli operatori in un futuro non troppo lontano.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.