Vodafone e Nokia implementeranno una rete 4G sulla Luna

viaggio sulla luna

Sembra che per molto tempo Vodafone Quell'accordo di collaborazione con cui hanno Nokia, azienda che, oltre a vendere dispositivi mobili ed essere famosa per questo, almeno qualche anno fa, è la seconda azienda al mondo nel settore delle comunicazioni. Come promemoria, vi dico che questo è il caso dopo l'acquisizione di Alcatel-Lucent nel 2015 per circa 15.600 miliardi di euro.

Grazie proprio al grande potere che può offrire una collaborazione come quella tra Vodafone e Nokia, entrambe le società possono permettersi il grande 'lusso'per mostrare le proprie capacità con progetti come quello che ci unisce oggi, in cui letteralmente ed è così che l'hanno comunicato, per quanto strano possa sembrarti, cercano dotare la Luna della sua prima rete di connessione 4G, una rete che si è confermata pienamente operativo nel 2019.


Vodafone e Nokia annunciano la creazione nel 2019 della prima rete 4G sulla Luna

Uno dei miei principali dubbi che sono sorti personalmente, almeno dopo aver letto il titolo che anticipava il comunicato presentato congiuntamente sia da Vodafone che da Nokia, è stato il senso di creare una rete 4G sulla Luna. Apparentemente tutto è perché è necessario creare il supporto ideale per le comunicazioni che saranno svolte dalla missione PTScientists, che prevede di atterrare sulla Luna utilizzando capitale privato nel 2019.

Forse a questo punto dobbiamo scavare un po 'più a fondo e fermarci un momento per evidenziarlo questa missione sarà svolta da diverse società private tra cui voglio evidenziare Audi e proprio NokiaVodafone è quindi entrata come parte di essa nel campo della comunicazione. Grazie proprio alla buona direzione e pianificazione che questa missione ha, ad oggi, si sta già facendo sul creazione di una nuova rete spaziale ultracompatta che può consentire il necessario traffico dati dalla Terra alla Luna e nella direzione opposta.

Bisognerà aspettare per sapere nel dettaglio come è possibile realizzare una rete 4G sulla Luna

Entrando un po 'più nel dettaglio, come è stato rivelato, tutto questo lavoro è stato fatto per garantire che il progetto Missione alla Luna, ecco come è stato battezzato ufficialmente, essere un successo. Per questo, oltre alla nuova rete 4G per la Luna, sarà necessario avere il supporto di SpaceX, che sarà incaricato di lanciare un razzo F da Cape Canaveral nel cui interno viaggeranno due rover Audi Lunar Quattro che avrà una stazione base situata nel modulo di atterraggio e navigazione autonomo.

Come probabilmente stai pensando, la necessità di implementare una rete 4G sulla Luna passa attraverso consentono ai rover Audi di trasmettere video HD in diretta mentre si avvicinano all'Apollo 17 della NASA, un veicolo utilizzato nientemeno che da Eugene Cernan e Harrison Schmitt, gli ultimi due astronauti che hanno avuto l'opportunità di camminare sulla superficie lunare.

astronauta

L'obiettivo di questa missione è trasmettere lo streaming video apertamente sulla Terra

Sebbene ci siano stati molti interessati al background tecnologico alla base di questo interessante progetto, la verità è che le aziende coinvolte non hanno voluto rivelare molti dettagli tecnici. Anche così, per esempio sia Vodafone che Nokia hanno assicurato che li incontreremo quando il momento si avvicinerà.

Per ora, ciò che è già stato rivelato è che la comunicazione sarà possibile grazie all'utilizzo del Banda di frequenza 1.800 MHz e che la trasmissione può essere visualizzata globalmente utilizzando un collegamento nello spazio profondo che sarà interconnesso con un server PTScientists a Berlino.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.