Facebook lancia un errore che lascia migliaia di utenti morti, incluso il suo fondatore

facebook_like-730x291

Siamo di fronte a un fallimento nel social network Facebook che ha lasciato perplessi i suoi utenti e che in questo momento possiamo dire che è stato risolto. Apparentemente un fallimento nel sistema di Facebook lo scorso fine settimana è stato rinunciare a migliaia di utenti invitando amici, follower e familiari con account sul social network lasciare un messaggio di sostegno alla famiglia del defunto.

Questo problema è stato davvero importante anche se è vero che è stato corretto poche ore dopo essere stato scoperto ed è che anche lo stesso CEO del social network, Mark Zuckerberg è stato indicato come deceduto. Un fallimento che abbiamo già detto non è andato oltre, ma che evidentemente ha causato uno shock a più di uno.

Per fortuna tutto è tornato alla normalità e il social ha già tutto in ordine. Gli stessi sviluppatori hanno avvertito: "È stato un terribile errore che abbiamo già corretto" e oltre a questo, gli utenti si scusano per il problema senza offrire molte spiegazioni su quanto accaduto questo fine settimana. Ed è che spesso spaventa più di quanto si farebbe entrando nel social network e vedendo come lo stesso Zuckerberg appariva morto o addirittura un familiare o un amico affetto dal problema.

Almeno questo rimarrà un aneddoto e uno spavento per le persone colpite senza altro. Si spera che non venga ripetuto di nuovo poiché una cosa è che c'è un problema di qualche tipo che non consente l'accesso o che genera qualche tipo di malfunzionamento, e un'altra è che le persone vengono lasciate per morte ...


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.