Abbiamo provato Call of Duty: WWII e questa è stata la nostra esperienza

La Beta si è aperta venerdì scorso per la seconda volta per gli amanti della saga di Call of Duty, una saga che era caduta in modo significativo sia in fama che in utenti. Come ben sai, in Actualidad Gadget stiamo scommettendo molto sul gaming e abbiamo provato Call of Duty: WWII per potervi raccontare in prima persona qual è stata la nostra esperienza. 

La saga di Call of Duty torna alle origini come mai prima d'oraSenza dubbio, c'erano molti utenti che chiedevano a gran voce che la società di sviluppo fosse in grado di innovare di nuovo, e non proprio con le guerre nello spazio. Diamo un'occhiata alle novità di Call of Duty.

Fin dal primo giorno abbiamo potuto sfruttare appieno la Beta, tant'è che nei due weekend che l'hanno aperta abbiamo colto l'occasione per avanzare al livello 35 e sbloccare tutti i contenuti a cui possiamo accedere. Prima di tutto, in termini visivi, Call of Duty non ha fatto molti progressi, sebbene si sia concentrato maggiormente sull'esperienza. Con questo intendiamo che il gioco è circondato da suoni, esplosioni, colpi ed espressioni degli avatar che fino ad ora non hanno avuto quella gamma di realismo in un Call of Duty. EQuesto rende il gioco un'esperienza frenetica accompagnata da buone cuffie può teletrasportarti direttamente nella seconda guerra mondiale.

L'elenco delle armi è stato progettato in modo vario e uniforme, anche se il chiaro vincitore sono i fucili mitragliatori, l'arma più versatile in questo nuovo gioco e l'unica che ci permette di usare il silenziatore. D'altra parte, i fucili d'assalto hanno aumentato la loro potenza ma sono difficili da controllare, mentre il fucile di precisione è considerato un'arma da migliorare, poiché il suo utilizzo è lontano dalla difficoltà che era stata sollevata in altre edizioni del gioco.

Altro su Call of Duty: WWII

Per quanto riguarda il sistema di serie, uno di calce e uno di sabbia. Siamo finalmente tornati al sistema dei punti di serie, tuttavia, sebbene gli assist siano conteggiati molto meglio (in base ai danni causati), non si riflettono nella tabella dei risultati. In questo modo, se gestiamo bene le nostre serie, potremo raggiungerle in modo migliore, ma una sconfitta con una serie di serie come i paracadutisti non conterà come 100 punti, ma come 25, rendendo difficile la salita. Tuttavia, possiamo concatenare diverse serie senza perdere quella precedente.

Le mappe beta (Gibilterra, Foresta delle Ardenne, Pinte du Oc e quella aggiunta la scorsa settimana) per la modalità Team Duel sono stati piccoli ma complessi. Forse il sistema di respawn ha molto da migliorare, perché vieni facilmente sorpreso da dietro dove ti consideri "al sicuro". Aggiungono anche l'estensione Modalità guerra, un nuovo sistema di gioco che attirerà chiaramente i più "pro" e clan di amici, dove la strategia è particolarmente importante, tanto che le perdite sono praticamente irrilevanti, una modalità che ci è piaciuta molto e che probabilmente dedicheremo molte ore ad esso, anche se prevediamo che se stai per giocare da solo o con estranei, può diventare il modo migliore per perdere la pazienza.

  • Il meglio di Call of Duty: WWII
    • Armi più uniformi e con un ottimo sistema di configurazione
    • Il suono è stato migliorato su tutta la linea, dalle esplosioni alle armi
    • Miglior sistema di serie
    • Mappe realistiche e un sistema di guerra chiaramente innovativo

 

  • Il peggio di Call of Duty: WWII
    • Respawn ha molto da migliorare
    • Ci vogliono troppi hitmark per abbattere il nemico
    • I problemi del server continuano a insinuarsi

Un altro aspetto da evidenziare è il sistema di divisione, ognuna con le proprie caratteristiche come maggiori prestazioni di corsa o migliori accessori.

Il gioco Sarà lanciato il prossimo 3 novembre da Activision, a partire da 69,99 euro in tutte le sue edizioni, per PC, PlayStation 4 e Xbox One. Immaginiamo che molti problemi verranno risolti nell'edizione finale del gioco che non potremo più testare fino al suo lancio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.