I crimini più atroci ispirati ai videogiochi

Crimini e videogiochi

Il comportamento umano è terribilmente difficile da studiare e standardizzare all'interno di modelli definiti dalla scienza o dalla medicina clinica. È vero che tendenze e comportamenti possono essere isolati e analizzati separatamente, catalogando diversi disturbi psicologici e malattie mentali che possono essere curati attraverso terapia o farmaci.

Ma non è poche volte che ci imbattiamo in studi che puntano in direzioni opposte e che possono persino contraddirsi a vicenda. Né sono rari episodi di violenza che avvengono senza motivo o movente che risponda alla logica che dovrebbe governare le menti di ogni figlio del vicino, e proprio oggi vi portiamo una raccolta di eventi orribili che avrebbero dovuto innescare i videogiochi, e vi invitiamo inoltre alla seguente riflessione: il trattamento mediatico che avete ricevuto è giusto?

 

 José Rabadán, l'assassino della katana

Il killer Katana

Questo caso è stato molto popolare in tutta la Spagna a causa del terribile triplice omicidio che è stato commesso, diventando notizia sui media stranieri. A quel tempo, nel 2000, Rabadán era un sedicenne apparentemente normale. Tuttavia, il 16 marzo di quell'anno accadde l'impensabile: brandiva un spada samurai datogli dai suoi genitori e ha ucciso i suoi genitori e sua sorella a sangue freddo -Solo 11 anni e con sindrome di Down-. Secondo i dati dell'autopsia, sua madre non aveva la possibilità di difendersi, mentre suo padre era a conoscenza di ciò che stava accadendo.

Secondo la polizia, Rabadán ha confessato che il massacro è stato ispirato da Final Fantasy VIII, un gioco con cui l'assassino era ossessionato al punto da portare lo stesso taglio di capelli del protagonista dello spettacolo, Burrasca, anche se va sottolineato che le preoccupazioni del ragazzo erano alquanto peculiari: nelle ricerche nella sua camera da letto furono trovati altri coltelli oltre a libri di corte satanici. La sua condanna è stata condizionata dalla sofferenza a psicosi epilettica idiopaticaInoltre, essendo minorenne e con la riforma della legge sui minori, Rabadán ha scontato solo sette anni, nove mesi e un giorno di internamento per un triplice omicidio a sangue freddo e anche contare su una perdita. Attualmente è latitante e la sua posizione è riservata.

Il figlio uccide suo padre con l'aiuto di un amico ispirato a Dead Rising 2

Andreu e Francisco

Anche questo caso ci colloca in Spagna, precisamente ad Alaro, Maiorca. Andreu Coll Tur, un adolescente di 19 anni, stava vivendo una vita agiata grazie alla fortuna del padre in affari, noto uomo d'affari locale. Ma sembra che la vita non fosse così idilliaca come sembrava: Andreu ha affermato che suo padre lo molestava costantemente. Il giovane amava molto i videogiochi, soprattutto Call of Duty y Dead Rising 2, e normalmente aveva sessioni di gioco giornaliere fino a 7 ore o anche 12 nei fine settimana. Grazie al gioco online, ha incontrato Francisco Abas, 21 anni, con cui ha subito fraternizzato. I due hanno condiviso intimità, si sono anche masturbati in webcam insieme e sono finiti a dormire nello stesso letto a casa di Andreu - anche se lui assicura che, a differenza del suo complice, è eterosessuale, mentre Franciso ha affermato di essere innamorato del suo amico e di sentirsi usato. dopo il crimine.

Insieme, hanno pianificato l'omicidio dell'uomo d'affari e hanno ricreato l'arma che ritenevano più adatta per il crimine: una mazza da baseball borchiata identico a quello in cui molti di noi hanno utilizzato Morto 2 aumento. Ma la cosa era ben lungi dall'essere un omicidio raffinato proprio del Confraternita di assassinicome hanno dovuto provare due volte. Nel primo, hanno drogato il padre con una generosa quantità di Dormire e sono riusciti a lasciarlo sedato. Andreu non osava sferrare il primo colpo a suo padre, così Francisco lo fece, poco prima che il suo amico gli dicesse che lo amava. L'uomo d'affari si è svegliato e non sono riusciti a portare a termine l'omicidio. I giovani sono riusciti a convincere l'uomo che la ferita alla testa era stata fatta da uno scassinatore entrato in casa. Infine, è stato nella prima mattinata del 30 giugno 2013 quando hanno potuto perpetrare il delitto, ponendo fine alla vita del padre di Andreu con una mazza, nonostante le resistenze da lui imposte, come rivelano le segnalazioni dei medici forensi. Dopo averlo ucciso, hanno speso 500 euro per il cibo e l'acquisto di un videogioco. Attualmente stanno scontando il carcere e gli psichiatri hanno stabilito che non soffrivano di alcun disturbo: sapevano distinguere perfettamente tra reale e virtuale.

 

Solo Halo 3 causa ... così tanta ossessione

Daniel petric

Daniel petricAll'età di 16 anni, ha subito un'infezione che lo ha tenuto a casa malato. In precedenza, ha avuto una dura discussione con i suoi genitori sul divieto di acquistare il gioco Halo 3, un gioco che ha avuto modo di conoscere tramite un amico e un vicino. I genitori di entrambi i ragazzi, preoccupati per l'ossessione dei ragazzi per il gioco e per il suo contenuto violento, hanno deciso di privarli del loro prezioso tesoro e di non permettergli più di giocarci. Tuttavia, Daniel, nonostante la sua salute, è riuscito a sgattaiolare fuori di casa per acquistare il gioco e dedicarsi segretamente sessioni di maratona fino a 18 ore senza interruzioni. I genitori si sono presto resi conto della malizia del ragazzo e hanno confiscato il gioco, che hanno tenuto in una cassaforte dove avevano anche una pistola Toro PT-92 de 9 mm.

Una settimana dopo, il 20 ottobre 2007, Daniel è riuscito ad aprire la cassaforte quando ha ricevuto il codice di accesso. Afferrò la pistola e con una freddezza terribile si rivolse ai suoi genitori, ai quali lo raccontò Ho avuto una sorpresa per loro e hanno dovuto chiudere gli occhi. La madre di Daniel è stata colpita alla testa, al busto e alle braccia, mentre suo padre gli ha miracolosamente salvato la vita nonostante fosse stato colpito al cranio. Dopo questo, Daniel ha posizionato l'arma su suo padre, che considerava morto, con l'innocente intenzione che potesse ingannare la polizia scientifica e sembrare un suicidio. Qualche minuto dopo, la sorella di Daniel e suo marito arrivarono a casa, dove l'assassino disse loro che i loro genitori avevano litigato duramente. La sorella entrò e si rese subito conto di quello che era successo; Ha chiamato la polizia e Daniel ha cercato di fuggire nel camion di suo padre, e attenzione, con il gioco Halo 3 sul sedile del passeggeroMa le forze dell'ordine lo hanno fermato mentre gridavano che suo padre aveva ucciso sua madre. Il suo avvocato ha affermato che le sue condizioni di salute e le dozzine di ore trascorse a giocare hanno disturbato il suo processo e lo hanno spinto a commettere il crimine. Attualmente sta scontando una condanna a vita con una revisione della pena prevista per il 2031.

La vita è un videogioco. Tutti devono morire prima o poi »

Devin Moore

Devin Moore è stato condannato nel 2005 per il omicidio di 3 agenti di polizia dopo essere stato arrestato per furto di un'auto. Con una certa abilità, Devin è riuscito a ottenere la pistola calibro 45 di uno degli agenti che lo stava scortando e ha ucciso tre poliziotti prima di fuggire dalla stessa stazione di polizia alla guida di un macchina di pattuglia che ha rubato proprio lì. Moore si era da poco diplomato al liceo, non era mai stato una persona fastidiosa e si era persino arruolato nell'aeronautica degli Stati Uniti. Apparentemente, questo comportamento sarebbe condizionato dal gioco Grand Theft Auto: Vice City e ha scatenato una grande polemica negli Stati Uniti.

Moore, al momento dell'arresto dopo la sua breve fuga, ha detto "la vita è un videogioco. Tutti devono morire prima o poi ». In uno degli interrogatori, ha affermato di essere in un tale panico all'idea di andare in prigione che ha sparato agli agenti senza motivo. Al suo processo si è dichiarato non colpevole e l'avvocato difensore lo ha sostenuto Devin soffriva di disturbo da stress post-traumatico, abusi e maltrattamenti sui minori sono stati addirittura utilizzati per tentare di salvarlo dalla pena di morte: nonostante questi sforzi e gli appelli presentati al Tribunale penale dell'Alabama, è stato giustiziato per mezzo di iniezione letale il 9 ottobre 2005.

 

Uccide la sua ragazza perché "controllava il suo spirito"

Darrius Johnson e Monica Gooden

Darrius Johnson, giocatore regolare di Xbox 360, a cui ha dedicato molte ore, ha brutalmente ucciso la sua ragazza, Monica gooden, una giovane donna che aveva solo 20 anni. Una delle quattro armi del crimine era la console Xbox 360 di Darrius, con il quale ha colpito ripetutamente Monica sulla testa finché non è rimasta incosciente. Poi, utilizzato fino a tre coltelli diversi e ha pugnalato la sua ragazza provocando numerose ferite alla schiena, al mento, al collo e allo stomaco.

Secondo l'assassino, ha posto fine alla vita della giovane donna perché ha assicurato che la donna aveva il controllo del suo spirito e che lo sapeva anche lui Avevo bisogno di sacrificare qualcuno del segno zodiacale del Toro -Ha anche pianificato la morte del proprio nonno, dello stesso segno e gravemente ammalato e che, curiosamente, ha escluso proprio a causa del suo stato fragile. Le dichiarazioni di quest'uomo hanno sbalordito gli inquirenti, ai quali ha anche confessato quando ha ucciso la sua ragazza stava effettivamente combattendo un drago.

I debiti sono pericolosi

Tibia

Questo crimine era anche molto grottesco ai suoi tempi. È successo in Brasile e il motivo della disputa era il gioco Tibia al centro del bersaglio. I protagonisti di questa macabra tragedia furono Gabriel Kuhn, 12 anni e Daniel petry di 16, amici, vicini e clienti abituali di Tibia. Un giorno, Gabriel ha chiesto a Daniel di prestargli 20.000 crediti per il gioco. Daniel ha accettato e si è fidato del suo amico, promettendogli che glieli avrebbe restituiti in futuro. Tuttavia, Gabriel non mantenne la parola data e arrivò persino a bloccare Daniel nella sua lista di amici.

In preda alla rabbia, Daniel andò a casa del suo vecchio amico e quando aprì la porta, litigarono finché Gabriel sembrò essere morto costrizione. Successivamente, Daniel decide di nascondere il corpo nella soffitta della casa, ma il corpo di Gabriel pesa troppo per lui, quindi gli passa per la testa frantumarlo a pezzi con una sega a mano. Quando ha iniziato a tagliare le gambe, Gabriel tornò in sé, ma ciò non ha impedito all'assassino di continuare ad amputare gli arti inferiori fino a quando non è stato ucciso da una massiccia emorragia e shock. Di nuovo, Daniel ha cercato di sollevare il corpo con un cavo, ma era ancora pesante per lui, quindi si è arreso ed è tornato a casa con tutta la tranquillità del mondo. È stata la madre del ragazzo che ha trovato suo figlio smembrato a casa e la polizia non ha impiegato molto ad arrestare Daniel, che ha confessato il crimine. Successivamente, l'autopsia del cadavere lo ha rivelato era stato penetrato analmente dall'assassino, che ha negato di essere omosessuale. Apparentemente, e per quanto sorprendente possa sembrare per la crudeltà del crimine, la condanna che Daniel ha ricevuto era solo di 3 anni.

PEGI

Come possiamo vedere, tutti questi casi sono sempre stati estrapolati dal contesto e lodati dal giallastro della stampa, cercando nei videogiochi colpevole inesistente. Le dipendenze sono dannose, senza dubbio, sia per i videogiochi, l'abuso di sostanze o le abitudini malsane - anche alcune sane, portate all'estremo, possono essere pericolose. Attraverso il report avrete potuto osservare che il legame che si è stabilito dai media tra questi terribili eventi e il mondo dei videogiochi è in qualche modo fragilePerché cause sono sempre state e altrettanto sfortunati fattori scatenanti e che sono i veri colpevoli di quelle disgrazie: malattie, abusi, vendette o maltrattamenti sono stati presenti nell'ambiente di questi casi famigerati.

PEGI_4

Pertanto, nonostante ciò che i settori più difficili potrebbero pensare con il settore, i videogiochi non devono essere considerati un male o la causa di tante disgrazie. È proprio nelle mani dei giocatori, dei genitori e degli educatori saper dare la dose e il valore appropriati per godersi quello che è questo, un hobby, che tra l'altro, e anche utilizzando studi empirici, raggiunge aumentare l'acuità visiva dei suoi utenti - si parla fino al 20% di giocatori abituati a giocare a giochi d'azione-, migliora la tua memoria -Si è scoperto che i bambini che sono affezionati Pokémon Avevano una maggiore capacità di ritenzione essendo in grado di memorizzare centinaia di nomi e caratteristiche dei personaggi e persino di crearli più propenso a socializzare con altri individui -ampliare circoli di amicizie e consolidare la vita familiare-.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Mack suddetto

    Cos'è questo articolo tabloid? Un tributo alla stampa scandalistica che incolpa i videogiochi per gli omicidi? Si prega di considerare di rimuovere questo articolo poiché l'unica cosa che farà è creare un brutto nome per il mondo dei videogiochi e / o questo blog e i suoi membri.

  2.   Yaru suddetto

    Congratulazioni, hai raggiunto il livello di Antena 3 in termini di documentazione, coerenza e buon senso. Calcolando tutto in numeri negativi, sì.
    Se vuoi scusarmi, devo andare a giocare a Super Metroid, voglio andare stasera a far saltare in aria le cose con un lanciamissili.

  3.   Cartman suddetto

    È un portale di videogiochi o mi salva?

  4.   Gecoide suddetto

    Mi dà la sensazione che tu non abbia capito l'articolo. Per impostazione predefinita, inizia con un tono giallastro e successivamente, appunto, smantella i falsi postulati secondo cui i videogiochi hanno una cattiva influenza, e viene utilizzata la stessa arma usata dai media, ma come boomerang.

    La cosa più triste è leggere quei commenti radicalizzati in cui è richiesta la rimozione dell'articolo o la libertà di espressione è limitata, quando proprio queste stesse persone lamentano i modi reazionari in cui agiscono coloro che criminalizzano i videogiochi: non si rendono conto di essere messi a il loro livello. E poi ne abbiamo un altro là fuori che dice che sarà coinvolto nel lancio di missili: fai attenzione, Internet non è anonimo come pensi, vediamo se la polizia si presenterà a casa tua. Stai attento al livello intellettuale.