RAMpage, un bug critico che colpisce tutti gli Android prodotti dopo il 2012

RAMpage

Sembra che oggi non ci sia azienda dedicata al mondo della tecnologia che non sia libera di presentare nessun tipo di sistema o piattaforma priva di guasti. In questa particolare occasione dobbiamo parlare di un nuovo fallimento critico quello colpisce letteralmente tutti i telefoni Android prodotti dal 2012 ai giorni nostri.

Senza dubbio stiamo affrontando un duro colpo alla piattaforma, che, ricordiamolo, è una delle più utilizzate in tutto il pianeta vista la grande accettazione che, praticamente da quando è arrivata sul mercato, ha avuto dalla stragrande maggioranza dei produttori di dispositivi mobili. Se vuoi saperne di più sulla vulnerabilità rilevata nel famoso sistema operativo progettato e sviluppato da Google, ti invito a continuare con noi.


RAMpage, una vulnerabilità Android che colpisce milioni di telefoni nel mondo

Sotto il nome di RAMpage Si presenta sulla scena un enorme, abbastanza critico, guasto che, come dicevamo, interessa gran parte dei terminali che ancora oggi vengono utilizzati praticamente quotidianamente da milioni di utenti. Il problema con questa vulnerabilità non è altro che il fatto che un utente avanzato può trarre vantaggio da un errore che consente l'accesso e la modifica dei dati privati ​​del proprietario di un telefono Android tramite i moduli di memoria RAM del dispositivo.

Entrando un po 'più in dettaglio, vi dico che il bug di RAMpage è stato scoperto da un gruppo di ricercatori composto da otto membri che, come hanno dimostrato, sono riusciti a creare un exploit in grado di sfruttare questa vulnerabilità in un LG G4. Come affermato in e. dichiarazione di aver lanciato, a quanto pare qualsiasi terminale prodotto dal 2012 ad oggi è potenzialmente esposto a questo errore del sistema operativo stesso, errore che non è tipico di uno specifico terminale poiché non si tratta di un problema hardware.

Google dovrebbe lavorare oggi su una soluzione per RAMpage

Questo è precisamente il fatto che questo errore non è dovuto all'hardware creato da un certo produttore, il che significa che letteralmente milioni di terminali sono esposti a questo errore critico. È anche vero che, essendo dovuto ad un guasto del sistema operativo stesso progettato da Google, può essere corretto in modo prevedibilmente veloce avviando un aggiornamento di sicurezza. Come hanno commentato i ricercatori incaricati di pubblicizzare RAMpage:

RAMpage rompe l'isolamento più fondamentale tra le applicazioni utente e il sistema operativo. Mentre le applicazioni generalmente non hanno il permesso di leggere i dati da altre applicazioni, un programma dannoso può creare un exploit RAMpage per ottenere il controllo amministrativo e impossessarsi dei segreti archiviati sul dispositivo.

Fallo

Non ci sono rapporti che RAMpage stia causando il caos tra gli utenti

Come riportato dal gruppo di ricercatori che hanno scoperto questo bug critico di Android, a quanto pare RAMpage dovrebbe essere preso molto più seriamente di quanto facciamo di solito con questi tipi di problemi., a volte, a causa della sua frequenza. Un utente esperto può compromettere password, foto personali, messaggi di posta elettronica, messaggi nelle applicazioni e anche documenti più sensibili archiviati nel terminale.

Dico che devi stare molto attento a questa vulnerabilità perché, a quanto pare, attualmente non è disponibile alcuna soluzione di sicurezza di Google che è in grado di porre fine a questo problema. Per ora, tutto ciò che sappiamo è che i ricercatori hanno già informato l'azienda americana e, si spera per il bene di milioni di utenti, che una soluzione a questo problema possa arrivare il prima possibile.

Forse e come parte positiva troviamo che, almeno per il momento, non ci sono rapporti che potrebbero esserci attacchi che sono esistiti in uno scenario diverso da quello eseguito nel test demo dal team di ricercatori che hanno scoperto RAMpage, quindi non siamo di fronte a una violazione della sicurezza che sta causando il caos tra gli utenti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.